3. Come si usa il programma

Il nome del programma è JSHORT.EXE e funziona sia in ambiente Windows che DOS (finestra PrompDos) e si può scaricare cliccando qui.

All'avvio viene visualizzata una schermata di presentazione con la spiegazione dell'acronimo JSHORT, e quindi viene chiesto di introdurre la data dell'effemeride. Mettendone una a piacere otteniamo questo menu' che ci servirà per ricavare gli istanti delle occultazioni/eclissi.


                           28/ 1/2007 - 12:0:0 TD
           Coordinate ECLITTICHE Eliocentriche [UA] -> Per calcolo ECLISSI
   XX1=-2.284814267   YY1=-4.849072327   ZZ1= 0.071195491 ->  RS1= 5.360871894
   XX2=-2.282186555   YY2=-4.842638816   ZZ2= 0.071455237 ->  RS2= 5.353936125
   XX3=-2.281747688   YY3=-4.854082990   ZZ3= 0.071047230 ->  RS3= 5.364097491
   XX4=-2.271025093   YY4=-4.843065325   ZZ4= 0.071584031 ->  RS4= 5.349575776
           Coordinate ECLITTICHE GEOCENTRICHE [UA] -> Per calcolo OCCULTAZIONI
   XT1=-1.676035980   YT1=-5.623172374   ZT1= 0.071198287 ->  RT1= 5.868068962
   XT2=-1.673408269   YT2=-5.616738863   ZT2= 0.071458034 ->  RT2= 5.861156621
   XT3=-1.672969402   YT3=-5.628183037   ZT3= 0.071050027 ->  RT3= 5.871994467
   XT4=-1.662246807   YT4=-5.617165371   ZT4= 0.071586827 ->  RT4= 5.858390216
            Occultazioni MUTUE                     Eclissi MUTUE
   Sep.1-2=  26.830" [0.794"] NO-Occ.   Sep.1-2=  19.537" [0.870"] NO-Ecl.
   Sep.1-3= 153.661" [1.046"] NO-Occ.   Sep.1-3= 188.939" [1.145"] NO-Ecl.
   Sep.1-4= 405.248" [0.994"] NO-Occ.   Sep.1-4= 382.798" [1.088"] NO-Ecl.
   Sep.2-3= 130.939" [0.987"] NO-Occ.   Sep.2-3= 203.938" [1.081"] NO-Ecl.
   Sep.2-4= 380.949" [0.935"] NO-Occ.   Sep.2-4= 396.368" [1.024"] NO-Ecl.
   Sep.3-4= 252.560" [1.187"] NO-Occ.   Sep.3-4= 195.471" [1.299"] NO-Ecl.

                              (0) per Uscire
         (1)= +10 min   (2)= -10 min   (3)= +1 min   (4)= -1 min
         (5)= +10 sec   (6)= -10 sec   (7)= +1 sec   (8)= -1 sec

Nell'esempio qui sopra, scelto a caso, notiamo che non sono presenti né occultazioni, né eclissi relative alle sei combinazioni possibili dei 4 satelliti. NO-Occ. e NO-Ecl. per l'appunto. In ogni riga viene scritta la separazione angolare tra ogni coppia di satelliti, che per l'occultazione dei sats 1-2 è 26.830 arco-secondi e dovrebbe scendere a [0.794''] affinché cominci il fenomeno. Immaginiamo invece che questo stia accadendo, accanto comparirebbe il messaggio SI-Occ. Non sappiamo però se è 1 che occulta 2 o il contrario; per scoprirlo basta guardare le due distanze geocentriche, RT1 ed RT2, relative appunto ai sats 1 e 2, la minore dei due indica il satellite che "copre" l'altro. Poichè è RT2=5.861 minore di RT2=5.868 unità astronomiche (UA), allora, qualora il fenomeno avvenisse, si scriverebbe 2OCC1, ovvero satellite 2 che occulta il satellite 1. Stabilire se poi l'occultazione è parziale o totale non rientra negli obiettivi di questo programma, ma l'utilizzatore può ricavare tutti gli elementi per determinarlo graficamente. La stessa indagine viene eseguita per le mutue eclissi, la distanza eliocentrica minore stabilisce quale dei 2 sats eclissa l'altro.

3.1. Esempio di un'occultazione passata

Lo estraiamo dal file di cui abbiamo parlato nel capitolo 1.2.


==================================================================================================================================
 Date  (TT)              Beginning  Beginning  Beginning   Maximum     End        End        End       Flux          Dist.  Impact
 of maximum   event      penumbra  shadow/occ  totality              totality  shadow/occ  penumbra    drop duration  to J. param.
==================================================================================================================================
 Year  M  D               H  M  S    H  M  S    H  M  S    H  M  S    H  M  S    H  M  S    H  M  S               S   (JR)   ('')
 .................................................................................................................................
 2002 12 16  4 OCC 1 T               2  8 17.   2 11  7.   2 11 35.   2 12  3.   2 14 51.              .361     395   3.8   .004
 2002 12 16  2 ECL 1 A   15 33  9.  15 34 28.             15 38  5.             15 41 45.  15 43  4.   .685     437   5.6   .083
 2002 12 16  2 OCC 1 P              17 34 27.             17 35 55.             17 37 22.              .004     175   5.9   .964
 .................................................................................................................................
==================================================================================================================================
The users of these data will provide the reference:
(c) J.E. Arlot, IMCCE/observatoire de Paris/CNRS-France
==================================================================================================================================

Diamo come data delle effemeridi il 16.12.2002 ore 15:38:00, otteniamo la seguente schermata:


                           16/12/2002 - 2:11:0 TD
           Coordinate ECLITTICHE Eliocentriche [UA] -> Per calcolo ECLISSI
   XX1=-3.351198964   YY1= 4.104365087   ZZ1= 0.057992937 ->  RS1= 5.299029198
   XX2=-3.354501993   YY2= 4.099060116   ZZ2= 0.057790097 ->  RS2= 5.297010208
   XX3=-3.357966659   YY3= 4.101451958   ZZ3= 0.057811233 ->  RS3= 5.301055591
   XX4=-3.340418830   YY4= 4.094609560   ZZ4= 0.057812593 ->  RS4= 5.284653981
           Coordinate ECLITTICHE GEOCENTRICHE [UA] -> Per calcolo OCCULTAZIONI
   XT1=-3.455033995   YT1= 3.125694722   ZT1= 0.057992430 ->  RT1= 4.659462471
   XT2=-3.458337024   YT2= 3.120389750   ZT2= 0.057789590 ->  RT2= 4.658354517
   XT3=-3.461801690   YT3= 3.122781592   ZT3= 0.057810726 ->  RT3= 4.662529130
   XT4=-3.444253861   YT4= 3.115939194   ZT4= 0.057812086 ->  RT4= 4.644922384
            Occultazioni MUTUE                     Eclissi MUTUE
   Sep.1-2= 272.438" [1.000"] NO-Occ.   Sep.1-2= 230.385" [0.879"] NO-Ecl.
   Sep.1-3= 296.586" [1.317"] NO-Occ.   Sep.1-3= 275.779" [1.159"] NO-Ecl.
   Sep.1-4=   0.102" [1.253"] SI-Occ.   Sep.1-4=  85.105" [1.101"] NO-Ecl.
   Sep.2-3=  24.155" [1.243"] NO-Occ.   Sep.2-3=  45.396" [1.093"] NO-Ecl.
   Sep.2-4= 272.341" [1.178"] NO-Occ.   Sep.2-4= 315.437" [1.036"] NO-Ecl.
   Sep.3-4= 296.489" [1.495"] NO-Occ.   Sep.3-4= 360.834" [1.315"] NO-Ecl.

                              (0) per Uscire
         (1)= +10 min   (2)= -10 min   (3)= +1 min   (4)= -1 min
         (5)= +10 sec   (6)= -10 sec   (7)= +1 sec   (8)= -1 sec

Notiamo che c'è un'occultazione tra i sats 1 e 4, con separazione molto ristretta, 0.102" rispetto a quella di inizio fenomeno pari a 1.253". Qual è il sat occultante? Quello con raggio geocentrico minore, il 4; RT4=4.644 minore di RT1=4.659, quindi la sigla è 4OCC1. Per andare a stabilire l'inizio e la fine dell'occultazione si usano i tasti numerici indicati 3,4 per aumentare/diminuire di un minuto 7,8 per +/- 1 secondo etc; il momento in cui ricompare NO-Occ. significa che quello è il tempo di inizio/fine e si legge l'istante vicino alla data. In questo esempio JSHORT dà inizio 4OCC1 ore 2:7:58 del 16.12.2006 e fine ore 2:14:33, in Tempo Dinamico, che differisce da quello universale di in DeltaT di una settantina di secondi. Formula TD=TU+DeltaT. Premere 0 per uscire dal programma. Nota: i valori del BdL sono, come si vede in tabella, inizio ore 2:8:17 e fine 2:14:51, ovvero pochi secondi di scarto per un fenomeno che dura circa 400 sec. Il lettore può continuare con il calcolo degli altri due esempi 2ECL1, 2OCC1.

3.2. Esempio di un'occultazione futura

Analizziamo l'occultazione del 2/11/2009 ore 18:54:00 TD. Il programma dà la seguente schermata:


                           2/11/2009 - 18:54:0 TD
           Coordinate ECLITTICHE Eliocentriche [UA] -> Per calcolo ECLISSI
   XX1= 4.310669189   YY1=-2.568932925   ZZ1=-0.085521077 ->  RS1= 5.018824473
   XX2= 4.304561553   YY2=-2.569451411   ZZ2=-0.085588559 ->  RS2= 5.013846439
   XX3= 4.312790811   YY3=-2.576896205   ZZ3=-0.085792478 ->  RS3= 5.024730737
   XX4= 4.296259526   YY4=-2.573138479   ZZ4=-0.085857558 ->  RS4= 5.008618478
           Coordinate ECLITTICHE GEOCENTRICHE [UA] -> Per calcolo OCCULTAZIONI
   XT1= 3.556168525   YT1=-3.213118899   ZT1=-0.085517876 ->  RT1= 4.793514467
   XT2= 3.550060889   YT2=-3.213637384   ZT2=-0.085585358 ->  RT2= 4.789334234
   XT3= 3.558290147   YT3=-3.221082179   ZT3=-0.085789276 ->  RT3= 4.800433207
   XT4= 3.541758862   YT4=-3.217324452   ZT4=-0.085854356 ->  RT4= 4.785666457
            Occultazioni MUTUE                     Eclissi MUTUE
   Sep.1-2= 193.011" [0.972"] NO-Occ.   Sep.1-2= 147.086" [0.929"] NO-Ecl.
   Sep.1-3= 192.872" [1.280"] NO-Occ.   Sep.1-3= 236.327" [1.223"] NO-Ecl.
   Sep.1-4= 551.247" [1.217"] NO-Occ.   Sep.1-4= 453.057" [1.162"] NO-Ecl.
   Sep.2-3=   0.281" [1.208"] SI-Occ.   Sep.2-3=  89.273" [1.154"] NO-Ecl.
   Sep.2-4= 358.240" [1.144"] NO-Occ.   Sep.2-4= 305.972" [1.093"] NO-Ecl.
   Sep.3-4= 358.378" [1.452"] NO-Occ.   Sep.3-4= 216.799" [1.387"] NO-Ecl.

                              (0) per Uscire
         (1)= +10 min   (2)= -10 min   (3)= +1 min   (4)= -1 min
         (5)= +10 sec   (6)= -10 sec   (7)= +1 sec   (8)= -1 sec

C'è un'occultazione tra 2 e 3, ma poichè RT2<RT3, è il sat 2 che occulta 3, ovvero 2OCC3.
Inizio fenomeno, andando indietro con i tasti, ore 18:50:45. Fine fenomeno, andando avanti con i tasti, ore 18:56:36.(In perfetta armonia con il risultato pubblicato dall'Osservatorio Navale degli Stati Uniti - USNO, cfr. sotto, evidenziato in verdino)
E proseguendo con altre date il lettore potrà crearsi il proprio almanacco 2009/2010 prima della pubblicazione di quello 'ufficiale' (Phemu 09) del Bureau des Longitudes.

    (Aggiornamento: 15 Giugno 2008)

        Dall'Astronomical Almanac dell'USNO. Sito web:
        http://asa.usno.navy.mil/SecF/2009/Jup_sats_occultations_2009.txt
        verso le ultime righe si legge:

            MUTUAL PHENOMENA OF JUPITERS SATELLITES IN 2009* (OCCULTATIONS)

       DATE(UT)     BEGIN TIME    END TIME    EVENT   DL   FI1  FI2  DIST   SEP  SAT
    Year  Mon. Day   Hour Min.    Hour Min.

    ................................................................................
    2009  11    2     18  49.3     18  55.1   2O3A   0.23  202  347   3.5   0.3   2
    ................................................................................

*) The predictions are based on J. Lieske's E5 version of Sampson's
   theory. Only events with intensity drops (DL) greater than 0.03,
   occurring more than 1.5 Jovian radii (DIST) from the planet
   center, have been included.

   The letters and headings have the following meanings:

   E = eclipses
   O = occults
   P = partial event
   A = annular event
   T = total event
   Q = penumbral eclipse
   DL = relative intensity drop
   FI1 = orbital angle of first satellite (measured from superior
         conjunction with Jupiter, geocentric for an occultation,
         heliocentric for an eclipse)
   FI2 = orbital angle of second satellite
   DIST = planetocentric distance of target satellite in Jovian radii
   SEP = separation between the satellites in arcsec at midevent
   SAT = satellite(s) within 10 arcsec of target satellite (except
         for the eclipsing satellite)


A beneficio degli studiosi, riportiamo sotto i link USNO delle due tabelle dei mutui fenomeni dei satelliti medicei nel 2009:   Occultazioni   Eclissi

Valid HTML 4.01 Strict